IL FUTURO: ANDATO CON IL VENTO

03/30/2018 - 14:58
Renewable Energy Development Institute - REDI
windcity attraverso la notte

I mulini a vento sono, infatti, in circolazione da secoli. Tuttavia, negli ultimi anni "la rapida crescita della tecnologia ha portato alla modernizzazione dei mulini a vento dalle strutture in legno come quelle medievali che vediamo come artefatti e nei vecchi dipinti. Per i giganti dell'acciaio dei tempi moderni che stanno facendo da pioniere in un ecologico alla moda e commerciale tornano in una più moderna iniziativa di oggi che esiste oggi. In una società più che mai orientata a livello globale stiamo cercando nuovi mezzi per estrarre energia. Eppure sono le forze della natura che si riveleranno fondamentali per l'invasione di questo dispositivo nel nostro futuro. Come persone stiamo iniziando a guardare oltre la nostra intenzione di continuare a investire in un modo ecologico per preservare il nostro habitat naturale, trovando nuove e sostenibili forme di energia che non inquinano il nostro pianeta.

Tuttavia, il dispositivo sembra più o meno lo stesso di quando era in epoca medievale e il meccanismo "è ancora più o meno lo stesso. Il dispositivo è semplice e un produttore di energia competente. Usa la cinetica del vento, che quando la sua forza conduce attraverso le turbine in un rotore circolare, converte quindi questa generazione cinetica in una forma stabilita di elettricità utilizzabile che è pronta per l'uso. La turbina eolica è un elemento essenziale e una componente fondamentale del funzionamento del mulino a vento. Stereotipicamente, il rotore è montato su un albero a bassa velocità e di solito ha tre pale costruite in fibra di vetro che sono rinforzate da poliestere. Infatti, il rotore è in grado di ruotare a velocità di 15-30 giri al minuto. Questa velocità è aumentata con una trasmissione di 1500 giri / min.

La caratteristica più importante di questa costruzione di mulini a vento è conosciuta come la navicella. Controlla il generatore, l'albero, il sistema di controllo, monitorando al contempo la sua produzione di energia, controllando i suoi sistemi di raffreddamento, nonché la sua lubrificazione degli impianti e dei suoi freni. L'intera costruzione è situata in una torre di acciaio che vanta un'altezza di circa 30 a 100 metri di altezza.

Nella parte superiore di queste torre scoraggianti si trova la collocazione del motore e del treno degli ingranaggi. Il compito è quello di ruotare il rotore e la navicella facendolo leva in qualsiasi modo con la direzione della forza del vento.

Il sistema di controllo è stato creato per prevenire danni meccanici alla costruzione. Questo sistema consente anche l'autorealizzazione dei mulini a vento a pieno potenziale perché può funzionare in qualsiasi direzione il vento soffia.

Per quanto riguarda le turbine eoliche ci sono due tipi di turbine eoliche. Il primo ha un asse di rotazione verticale e un asse orizzontale anche per la rotazione. Questo esempio primario ha la capacità di aumentare la sua velocità in avanti o forza di resistenza. Il suo nome deriva dal fatto che le pale sono montate su un albero verticale.

Essi assumono anche forme specifiche, solitamente ruotate e piegate a formare una formazione adeguata per l'asse della turbina. Tuttavia, questo tipo di turbina non viene spesso utilizzato a causa del suo basso tasso di efficienza.

Inoltre, non è adatto anche alla produzione di energia elettrica perché raggiunge una produzione a bassa velocità. In alternativa più del 90% di tutte le turbine eoliche sono di costruzione orizzontale. Sebbene abbiano lo stesso aspetto, come descritto sopra, la posizione di tale turbina è importante poiché deve girare esattamente nella direzione del vento per fornire il massimo impegno per essere convertito in potenza.

La dimensione di una tale struttura di solito dipende dall'energia che si intende consegnare a terra o in mare. Le turbine eoliche più grandi possono raggiungere i 100 metri di altezza rendendole facilmente visibili. A causa delle loro dimensioni possono diventare seghe su terreno naturale. Le grandi turbine generano un rumore monotono che può diventare gravoso per le comunità indigene che vivono lì e per gli abitanti della natura come gli esseri aeronautici.

La potenza generata dai mulini a vento può variare tra 0,1-100 kW. Le turbine più piccole si adattano meglio in luoghi in cui si verificano condizioni di vento meno favorevoli. Di conseguenza hanno un fabbisogno energetico inferiore. Questa soluzione può essere utilizzata in aree difficili da raggiungere perché queste turbine possono essere facilmente spostate da un luogo all'altro.

In precedenza è stata menzionata l'omissione del ronzio monotono, che si verifica durante la meccanizzazione di energia di grandi turbine eoliche. Il rumore stesso deriva dalla resistenza all'aria incontrata dalle pale del rotatore mentre è in movimento.

Il ronzio è causato anche dal sistema di trasmissione di potenza non solo dal rotatore, il cambio, il generatore e l'accumulo di tali fattori come le dimensioni della turbina, così come la tecnologia obsoleta e l'aerodinamica a basso livello delle pale. Il problema può essere risolto utilizzando le tecnologie moderne e individuandole lontano dalle aree abitate che ridurranno il loro impatto negativo che può avere sugli abitanti. Come turbine eoliche offshore che esistono oggi dove il vento sarebbe più facile da imbrigliare a causa dei contors che si verificano nel paesaggio e nei climi tipici dei venti forti in mare.

L'energia eolica è innegabilmente una fonte di energia rinnovabile e lungimirante e grazie all'utilizzo di tecnologie moderne per la costruzione di nuove funzionalità e progetti migliori possiamo essere testimoni dell'emergere di mulini a vento sempre più sofisticati. Dalle semplici macchine di legno al delirio, i mulini a vento in acciaio danno uno sguardo appetitoso sull'energia del futuro e in particolare l'energia rinnovabile fornisce risorse di energia rinnovabile.