ENERGIA MAREA MARE

04/05/2018 - 12:25
Renewable Energy Development Institute - REDI
ENERGIA MAREA MARE

Le persone continuano a provare continuamente a trovare nuove fonti di energia rinnovabile. Pertanto non sorprende che siano particolarmente interessati all'acqua e al suo uso versatile. In questo modo gli sforzi sono stati diretti nell'ottenere energia dalle maree, che sono definite come movimenti circolari di molecole d'acqua causate dal vento che sposta la superficie dell'acqua a causa dell'attrito.

Le piante elettriche che utilizzano le maree per generare energia possono essere divise a causa della loro localizzazione nelle centrali costiere, nelle acque e in acqua. Le centrali elettriche costiere si trovano proprio accanto alla costa del mare. Le piante elettriche sul lato del mare si possono trovare in acque molto basse, cioè a circa 10-20 metri di profondità. Le centrali elettriche in acqua si trovano a più di 40 metri sotto la superficie del mare.

Per generare energia è possibile utilizzare turbine idrauliche o turbine eoliche. Il primo utilizza l'acqua che scorre in un serbatoio d'acqua. Quando è pieno, l'acqua inizia a fluire sopra una diga e aziona una turbina turgo collegata a un generatore. Un'isola norvegese ha utilizzato questo tipo di installazione dal 1986 e raggiunge la potenza massima di 350 kW. Un'altra soluzione richiede la costruzione di una piattaforma in riva al mare poiché questo processo dipende dalle maree che fluiscono sulla piattaforma, spingendo infine l'aria verso le parti superiori di un giacimento. Qui si trova una turbina che viene trasformata in movimento dalle masse di aria in movimento, alimentando così il generatore. Fino a 75kW di potenza sono prodotti in Peninsula applicando questo metodo. Ciò che è interessante, a parte la creazione di energia, tali costruzioni sono così alte che possono fungere da frangiflutti, proteggendo la costa dai danni.

Tali fonti rinnovabili di energia sono un'opzione allettante per i paesi che hanno accesso a un mare. Il Portogallo, in quanto membro dell'UE, vuole seguire le tendenze pro-ecologiche. Nel 2008 il governo portoghese ha creato una zona industriale speciale utilizzata per testare apparecchiature che producono energia delle maree ecologiche. Gli scienziati portoghesi sostengono che grazie allo sviluppo in questo campo saranno soddisfatte fino al 20% delle richieste elettriche portoghesi.

Anche in Scozia questa soluzione ha trovato molti sostenitori. Per un periodo relativamente breve - dal 2010 - questa parte della Gran Bretagna può essere orgogliosa della propria centrale elettrica di marea. La turbina si trova sulla costa occidentale della Scozia, dove le maree atlantiche sono piuttosto alte. È solo una minuscola impresa di potere moderato, ma sono previsti fino a quaranta produttori di energia per il futuro.

La tecnologia che utilizza le maree, come la maggior parte delle fonti di energia rinnovabile, si sta ancora espandendo e sta lavorando a nuove idee migliori. Non solo il denaro è la chiave, ma anche essere focalizzati e notare alcuni problemi. La minaccia più mortale è l'effetto serra e le sue conseguenze, vale a dire il riscaldamento globale che potrebbe presto causare cambiamenti nelle zone climatiche o lo scioglimento dei ghiacciai. Questi sono solo alcuni degli esempi di ciò che potrebbe accadere se continuassimo a utilizzare le fonti energetiche convenzionali. Dovrebbero essere enormemente ridotti e sostituiti da fonti ecologiche. Vale la pena considerare come una singola persona possa aiutare l'ambiente che ci nutre delle sue risorse inesauribili.